Home page

Chi accumula libri accumula desideri; e chi ha molti desideri è molto giovane, anche a ottant’anni.

1 giugno 2015

RECENSIONE: The Heir, Kiera Cass - "Domino Letterario"

Questa lettura fa parte di un Domino Letterario, un'idea nata da alcune youtubers che Clarissa del blog Questione di Libri ha riproposto. Qui di seguito l'elenco delle blogger che hanno partecipato:

Leggendo Romance - Deb
Devilishly Stylish - Elisa
Salotto dei libri - Simona
Parliamo di libri - Sara
Lettere d'Inchiostro - Caterina
Oltre Yume - Gemma
Questione di libri - Clarissa
Libri che porto con me - Serena
Le recensioni della libraia - Virginia

Ho scelto The Heir di Kiera Cass perché Sara del blog Parliamo di Libri ha proposto un libro con la copertina che presenta una ragazza di spalle con un bel vestito. Il domino Letterario, infatti, prevede che a turno, seguendo una lista, si debba scegliere un libro che abbia qualcosa in comune con il precedente (colore o immagine di copertina, genere letterario, nome dell'autore, casa editrice, ecc...)



Titolo: The heir
Autore: Cass Kiera
Prezzo: € 17,90
Uscita: maggio 2015
Pagine: 339, rilegato
Editore: Sperling & Kupfer

TRAMA
Sono passati vent'anni da quando America Singer ha partecipato alla Selezione e conquistato il cuore del principe Maxon. Ora, nel regno di Illéa, è tempo di dare inizio a una nuova competizione. Il Paese infatti è in difficoltà: il popolo è inquieto e infelice, la tensione cresce ogni giorno e la situazione è sempre più precaria. Solo una Selezione potrebbe risollevare gli animi dei sudditi e alleggerire l'atmosfera. E questa volta toccherà alla futura erede al trono, Eadlyn, scegliere tra i trentacinque pretendenti arrivati a Palazzo. Il re e la regina però non hanno fatto i conti con il carattere indipendente e determinato della giovane principessa, che non ha alcuna intenzione di assecondare questa farsa e lasciare decidere agli altri della sua vita. L'idea che la Selezione possa regalarle la stessa favola d'amore dei suoi genitori non la sfiora nemmeno. Ma scoprirà presto che il suo lieto fine non è poi così impossibile come aveva pensato...


RECENSIONE
Dopo vent'anni dalla fine della selezione del principe Maxon, ci troviamo alle prese con una nuova selezione. Questa volta tocca alla principessa Eadlyn, figlia di Maxon e America, prossima erede al trono di Illèa. 

La scelta dell'autrice di riproporre un'altra selezione potrebbe sembrare una trovata commerciale, cosa che invece non è. Se nella prima trilogia la storia ci viene raccontata attraverso gli occhi di America, una delle selezionate, questa volta la storia ci viene presentata dalla principessa che deve scegliere la persona che le starà accanto per tutta la vita. 

A differenza del padre, Eadlyn questa volta si mostra molto indecisa e non è sicura di riuscire ad innamorarsi. Non sappiamo dunque chi alla fine verrà scelto; con la prima trilogia, invece, era abbastanza intuibile.
Eadlyn inizialmente è stata quasi "costretta" ad organizzare la selezione per placare le rivolte e i problemi nati a causa dell'eliminazione delle caste, ma non ha calcolato che alla fine le cose sarebbero potute cambiate.
Inizialmente la principessa è contraria ad una selezione poiché è convinta di non aver bisogno di nessun uomo accanto e scende, quindi, a compromessi con il padre: se alla fine dei tre mesi non sarebbe riuscita ad innamorarsi avrebbe potuto evitare di scegliere.

La protagonista non smette di ripetersi "Nessuno è più potente di me!" quando in realtà non vuole nemmeno il trono. Il suo pessimo carattere non le è d'aiuto ma, al contrario, fa emergere il suo ego spropositato. Spero in una sua crescita durante il corso della storia, in questo primo volume abbiamo conosciuto principalmente il suo lato egoista e viziato.

Ho comprato questo libro per sapere cosa sarebbe successo agli altri protagonisti dopo la fine di The One. Troviamo infatti, alcuni tratti in cui i vecchi protagonisti ripensano al passato donandoci quasi un senso di nostalgia. 
Questo volume non mi è risultato per nulla prevedibile, anzi, a differenza dei precedenti libri, The Heir ci dona una nuova prospettiva della vita di palazzo stuzzicando la nostra curiosità e la protagonista, non mostrando le sue vere emozioni, non ci fa capire chi preferisce tra i ragazzi.
Per ora questo volume non rientra tra i preferiti - probabilmente a causa dell'antipatia che provo per la protagonista - ma spero che i seguiti si facciano più interessanti. Lo stile semplice rende la lettura piacevole e molto scorrevole. Consiglio l'intera saga a chi ama le storie romantiche ambientate in un universo distopico.


14 commenti:

  1. Non l'ho ancora letta questa serie, devo riuscirci! Baci

    RispondiElimina
  2. Partiamo dal fatto che le farei una bella faccia di schiaffi ad Ead, poi mettiamoci il risentimento di non vedere Marlee regina (SI IO TIFAVO MARLEE), e condiamo tutto con la pena che mi fai il povero Leeland. Detto questo, forza Henri.

    p.s. concordo con il tuo giudizio finale (bella recensione).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che avresti citato Leeland. Io direi Forza Kile e forza Henri! :D

      Elimina
    2. E intanto, il povero Hale, nessuno so fila!

      Elimina
    3. Non mi convince... E' al terzo posto nella mia classifica comunque ahah

      Elimina
  3. Bel post! Ti ho taggato nel mio blog passa
    http://lucetta91.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie :)
      Passo subito a dare un'occhiata!

      Elimina
  4. "Consiglio l'intera saga a chi ama le storie romantiche ambientate in un universo distopico." -> *alza la manina*
    M'incuriosisce, questo cambio di voce narrante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella è sicuramente la cosa che mi ha incuriosito di piú, in questo modo l'autrice ci fa conoscere entrambi i lati della medaglia. Con America conosciamo le problematiche delle selezionate, mentre con Eadlyn vediamo tutto ciò che sta dietro alla selezione, dai preparativi agli impegni politici. È molto interessante :)

      Elimina
  5. Devo assolutamente leggere questa serie!!! :)

    RispondiElimina
  6. Io purtroppo devo dire che ho amato la prima trilogia, ma questo e i libri che seguiranno non sono riusciti a farsi strada nel mio cuore. O meglio, mi è piaciuto, ovvio, ma Eadlyn proprio non mi andava a genio e credo fosse anche per alcune sue stilettate subito a inizio libro che me l'hanno immediatamente fatta trattare con freddezza... Credo però che questo libro sia stato comunque bello per il contorno di Eadlyn, cioè per tutti quei personaggi più o meno importanti che si muovevano intorno a lei e che valgono il libro, per me, perchè si distinguono tutti e sono ben caratterizzati al punto da essermi entrati nel cuore con più facilità della futura regina, che invece ne è rimasta inevitabilmente chiusa fuori, al fredo e senza neanche una coperta con cui riscaldarsi (?).
    Se ti va di leggere la mia recensione in cui esplicito tutti i miei randomici pensieri su questo controverso libro puoi fare un salto sul mio blog: Raggywords: Recensione The Heir - Kiera Cass.
    Mi scuso per l'eventuale spam indesiderato.
    Saluti,
    Rainy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, pi piace leggere diverse opinioni su libri che ho letto anche io. Passo subito a dare un'occhiata alla tua recensione :)

      Elimina