Home page

Chi accumula libri accumula desideri; e chi ha molti desideri è molto giovane, anche a ottant’anni.

16 marzo 2016

BLOGTOUR - Fra me e Te: I Personaggi


Eccoci qui con la terza tappa del blogtour dedicato a "Fra me e te", un romanzo di Marco Erba in uscita il 17 marzo 2016. Oggi parliamo dei personaggi principali: Edoardo e Chiara, due ragazzi con caratteri e interessi opposti che faranno da voci narranti per tutto il corso del romanzo. Ma prima di scoprire qualcosa in più sul loro conto, vi svelo le tappe del blogtour. Le modalità per poter partecipare al giveaway e avere la possibilità di vincere una copia cartacea del romanzo saranno elencate alla fine. 







14.03 – Words of books: Presentazione blogtour
15.03 – Le recensioni della libraia: Alcuni estratti del romanzo
16.03 – Lettere d'inchiostro: Presentazione dei personaggi
17.03 – Devilishly Stylish: Intervista all'autore
18.03 – Bosco dei sogni fantastici: Playlist


CARTA D'IDENTITÀ
Nome: Edoardo
Caratteristiche fisiche: Biondo, occhi azzurrissimi, capelli ricci e corti.
Tratti caratteriali: Solitario, silenzioso e introverso. Odia gli stranieri, soprattutto i cinesi perché li incolpa di aver causato un grave danno psicologico al padre. È convinto di sapere tutto e crede nel destino.
Rapporto con la famiglia: I suoi genitori sono separati e vive con la madre con cui non ha un buon rapporto. Tiene sempre con sé due tartarughine portafortuna, simbolo del legame con il padre che considera il suo eroe.
Rapporto con la scuola: Il suo rapporto con la scuola è sempre stato buono, gli piace soprattutto la matematica.
Rapporto con le persone: Non interagisce molto con le persone ma cerca sempre di stare per i fatti suoi.
Fonte di ispirazione: Ha come personaggi modello Ettore e Hitler, pensa di poter essere forte come loro.
Situazione sentimentale: Innamorato platonicamente di Giulia.
Metamorfosi: Durante il corso della narrazione abbiamo la possibilità di osservare Edoardo e accompagnarlo durante la sua crescita psicologica. All'inizio indossa una maschera che lo presenta come un ragazzo taciturno e solitario che si impegna a scuola, mentre, in un secondo momento, ci viene mostrata una sua nuova versione e lo troviamo nelle vesti del ragazzo ribelle che se ne infischia delle regole e delle conseguenze delle sue azioni. La trasformazione della sua personalità sarà la svolta decisiva, perché il cambiamento darà libero sfogo al caos che gli vortica dentro e lo aiuterà a capire i propri errore per diventare, poi, una persona migliore.

«Io mi spezzo ma non mi piego. Come Ettore nell'Iliade, il mio mito, il mio modello di vita.»

Edoardo pensa che l'apparenza sia fondamentale e che la prima impressione sia quella decisiva, il ché lo rende abbastanza superficiale. Ha l'abitudine di soprannominare le persone in modo bizzarro facendo riferimento a film e personaggi celebri.  
Il suo personaggio dimostra come le persone cerchino sempre di incolpare qualcuno quando accade qualcosa di spiacevole senza un motivo ben preciso.


CARTA D'IDENTITÀ
Nome: Chiara
Caratteristiche fisiche: Occhi azzurri, naso affilato e viso ovale.
Tratti caratteriali: Timida, introversa.
Rapporto con la famiglia: Vive con il padre con cui ha un bellissimo rapporto, almeno finché alcuni segreti non arrivano a bussare improvvisamente alla sua porta.
Rapporto con la scuola: Va bene a scuola ed è considerata dai professori una studentessa modello.
Rapporto con le persone: Parla poco e fa fatica a fare amicizie perché considera il mondo esterno troppo diverso dal suo mondo interiore.
Fonte di ispirazione: Lucrezia, la ragazza più popolare della scuola.
Situazione sentimentale: Innamorata dell'idea dell'amore.
Metamorfosi: La metafora del bruco che diventa farfalla è perfetta per Chiara. Il suo personaggio all'inizio appare tranquillo e timido (bruco); poi, indossa ciò che può essere definita una maschera per dare agli altri l'impressione di avere di fronte un'altra versione di Chiara (crisalide); alla fine, dopo essere maturata ed essersi accorta di ciò che veramente è importante, è pronta a vivere (farfalla).

A scuola viene presa in giro continuamente da alcuni bulli e deve sopportare gli sguardi e le umiliazioni da parte di chi, ingiustamente, la considera un bersaglio debole.

«Chi ti prende in giro non lo sa quanto ti fa male: per loro sei solo un passatempo sadico, un insetto da torturare il più possibile e poi da mollare lì. Per te invece ogni risatina, ogni parola cattiva è una cicatrice indelebile, come un marchio a fuoco.»

Si sente diversa dagli altri, troppo chiusa e sensibile per vivere in un mondo così diverso da lei. Lucia, la sua migliore amica, rappresenta la prima versione di Chiara che troviamo per un breve periodo all'inizio della narrazione. Questa figura poi viene sostituita da Lucrezia, una personalità completamente opposta, che farà prendere a Chiara una strada diversa.

«Due mondi differenti, solo lontanamente imparentati tra loro.»

Chiara rappresenta tutte quelle persone disposte a cambiare per qualcuno o semplicemente per essere accettati. Sembra dimenticarsi della persona che era un tempo, delle amicizie, degli scout e di tutte quelle cose che era abituata fare, per diventare una persona nuova.

«Io sono un bruco sognatore. Così mi sento: una creatura che deve mutare completamente e che non sa come né quando avverrà la trasformazione.»


I due personaggi principali sono ben caratterizzati ed entrambi, durante il corso del romanzo, intraprendono un percorso psicologico che li cambia, un percorso che li porta ad accettare prima di tutto sé stessi e ciò che sono, per arrivare poi ad accettare gli altri.
Ciò che entrambi i personaggi imparano è l'importanza del perdono e l'esigenza di essere sinceri, condizioni fondamentali per mantenere i rapporti con gli altri.
Edoardo e Chiara sono come due barche che viaggiano su fiumi paralleli che sembrano non incrociarsi mai. Si intravedono ma non riescono ad incontrarsi. Poi, quasi nello stesso momento, i fiumi iniziano ad incresparsi e a virare l'uno verso l'altro. In qualche altro momento invece cambiano nuovamente strada per finire a scorrere in luoghi lontani. Sfoceranno mai nello stesso mare?


REGOLE PER PARTECIPARE AL GIVEAWAY



  • Diventare lettori fissi dei blog che ospitano il blogtour [Words of books - Le recensioni della libraia - Lettere d'inchiostro - Devilishly Stylish - Bosco dei sogni fantastici].
  • Mettere MI PIACE alla pagina di Rizzoli
  • Commentare tutte le tappe

  • a Rafflecopter giveaway

    11 commenti:

    1. Mi piacciono molto i due personaggi, ovviamente nella lettura sara un altra cosa. ma da qui i due personaggi mi incuriosiscono molto

      RispondiElimina
    2. Descrizione molto dettagliata! Penso che Chiara mi somigli molto sotto certi aspetti... questa frase è bellissima «Io sono un bruco sognatore. Così mi sento: una creatura che deve mutare completamente e che non sa come né quando avverrà la trasformazione.»

      RispondiElimina
    3. Mi incuriosiscono molto i modelli di Edoardo O_O
      il libro sarà un sorpresa!

      RispondiElimina
    4. Interessante la descrizione dei personaggi, Chiara mi incuriosisce molto.

      RispondiElimina
    5. Questo libro mi piace sempre di più... La descrizione dei personaggi è molto dettagliata e da un'idea chiara e precisa di entrambi!!!

      https://www.facebook.com/rory.colorelibri/posts/829546167172338

      RispondiElimina
    6. complimenti per la descrizione dei personaggi la trama è sempre più carina

      RispondiElimina
    7. Che analisi dettagliata dei personaggi e mi sono ritrovata molto in Chiara, per il suo essere silenziosa e per il suo voler cambiare per essere una persona diversa che verrà accettata.
      Soprattutto mi ha colpito la frase sul bullismo perché anche io ne sono stata vittima.

      RispondiElimina
    8. Carinissima questa tappa! Non avevo mai visto niente del genere e la trovo un'idea davvero originale :)

      RispondiElimina
    9. Bellissima Cate!
      Gli identikit sono favolosi, dettagli che al lettore non sfuggono affatto. E i personaggi piaceranno.. garantito! :D

      RispondiElimina
    10. Ecco che scoperti i personaggi sono sempre più convinta, Chiara e la metafora della farfalla mi hanno decisamente conquistato, beccato il mio punto debole :)

      RispondiElimina